come il lavoro ibrido migliora il work life balance

Il lavoro ibrido: il lavoro da remoto è in modalità agile

Il lavoro ibrido è quella modalità di lavoro agile in cui il lavoratore svolge i suoi compiti in parte da remoto, lavorando da casa o da un altro luogo, e in parte in sede aziendale.

L’obiettivo è quella di coniugare i benefici del lavoro da remoto con quelli dell’operatività in ufficio, rispondendo di conseguenza alle esigenze dei lavoratori, i quali riescono a trovare un equilibrio tra casa e lavoro, tramite lo smart working e alla necessità delle aziende, chiamate ad essere sempre più competitive.

La modalità del lavoro da remoto permette al dipendente di equilibrare meglio la vita privata con il lavoro, portando dei benefici sul benessere personale e anche sul rendimento dell’azienda. Con lo smart working si può anche notare un incremento della produttività fino al 60% (come dimostrato durante la pandemia da Covid-19). Benefici che però a lungo andare non sono così positivi, perché il dipendente può sentirsi demotivato e meno coinvolto, incidendo negativamente sul rendimento.

Infatti, non tutti i dipendenti amano lavorare da remoto o con modalità ibrida perché potrebbe risultare stancante portarsi dietro tutti gli strumenti e cambiare ogni volta luogo di lavoro, abituarsi a posti diversi, rompendo la routine lavorativa e casalinga.

Lavorando in ufficio, invece, si otterranno benefici per quanto riguarda il mantenimento dei rapporti sociali con i colleghi e il senso di appartenenza in azienda, permettendo così di essere sempre motivato e coinvolto nelle pratiche aziendali.

Criticità tra lavoro da remoto e lavoro in ufficio

Nell’usufruire del modello di lavoro ibrido possono nascere delle difficoltà, come le diseguaglianze tra coloro che lavorano in azienda e coloro che lavorano da casa, ad esempio nel momento in cui si realizzano degli scambi informali lasciando chi svolge il lavoro da remoto fuori da alcune dinamiche. Altra criticità è la perdita di collaborazione, spirito di gruppo rischiando di far rimanere ai margini dell’organizzazione coloro che non lavorano in ufficio, ottenendo anche minore visibilità, ossia la difficoltà dei dipendenti di farsi

notare tramite le attività svolte e ottenere riconoscimenti dai superiori. Possono essere anche penalizzati dai mezzi tecnologici, come la connessione lenta che non permette di svolgere il lavoro nel modo giusto.

Proprio per quest’ultima criticità le aziende devono dotarsi degli strumenti adatti per poter continuare a svolgere le mansioni con le solite prestazioni senza avere intoppi, con la possibilità di avere sempre i documenti disponibili elettronicamente, accedendo al materiale e agli applicativi aziendali utili con qualsiasi strumento, senza essere legato a una postazione o strumento specifico. Quindi, il tutto dovrebbe essere gestito tramite un cloud per poter facilitare la transazione tra le postazioni di lavoro tra casa e ufficio.

Benefici di usufruire della modalità di lavoro agile

Così come ci sono degli svantaggi è importante anche soffermarsi sui vantaggi del lavorare in modalità agile:

  • I lavoratori che adottano la modalità agile possono utilizzare al meglio il proprio tempo, decidendo di lavorare negli orari in cui si sentono più produttivi, ottenendo un buon work-life balance. Se il dipendente si sente soddisfatto, meno stressato e più riposato, risulta anche essere più produttivo.
  • Risparmio in termini di costi per l’azienda riducendo gli spazi di lavoro, aumentando però gli spazi collettivi in cui i lavoratori possono discutere su progetti o coordinarsi sui lavori da svolgere.
  • Possibilità di avere dei professionisti qualificati anche se sono geograficamente distanti dalla sede di lavoro, organizzando dei team più variegati ed inclusivi.
  • Adottando la modalità del lavoro ibrido si lavorerà in diversi luoghi di lavoro e questo permette ai dipendenti avere una maggiore creatività, più punti di vista, maggiore capacità nel risolvere i problemi, alto tasso di innovazione. Tutto questo perché non si è bloccati sempre nello stesso luogo.
  • Con le giuste tecnologie e strumenti che permettono di interagire con i gruppi di lavoro in ufficio e i gruppi di lavoro da remoto si favorirà un senso di profonda appartenenza all’organizzazione, migliorando lo spirito di gruppo. I leader dovrebbero, quindi, rafforzare i punti di contatto in modo da combattere i sentimenti di isolamento.
Strumenti tecnologici utili per lo svolgimento del lavoro ibrido

L’utilizzo degli strumenti giusti è necessario per poter svolgere il lavoro ibrido nel migliore dei modi. La necessità è quella di avere degli strumenti adatti che possano permettere la condivisione delle informazioni attraverso il cloud, il continuo contatto tra collaboratori con le call di Microsoft Teams, gestione dei progetti condivisi tramite SharePoint.

È importantissimo, inoltre, gestire anche le presenze dei propri collaboratori, in modo da capire chi è in ufficio e chi svolge il lavoro da casa. Noi di P&S People Solutions sappiamo quanto sia importante l’utilizzo degli strumenti adatti e per questo utilizziamo un applicativo Zucchetti, chiamato HR INFINITY – PRESENZE. È uno strumento che oltre a gestire le presenze, i permessi, le assenze, monitora anche le ore dei collaboratori esterni e/o dei collaboratori da remoto, in questo modo si avrà sempre la possibilità di visionare i collaboratori che lavorano in modalità agile e coloro che invece lavorano in ufficio, tenendo tutto monitorato e sotto controllo.

E tu come gestisci la modalità di lavoro ibrida in azienda?

Contattaci per studiare insieme la situazione della tua impresa e capire insieme come offrirti il miglior servizio adatto alle tue esigenze.